ICT, Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione: un mondo sempre più social

ICT

Quando è l’ICT a fare la differenzay

Negli ultimi tempi si sta assistendo ad un vero e proprio dominio da parte della tecnologia  (ICT)nei confronti della società odierna. Milioni di persone sembrano completamente ipnotizzate dai propri dispositivi che sono diventati ormai parte integrante della loro vita quotidiana. Per far fronte a questo fenomeno, anche il mondo dell’informazione e della comunicazione sta mutando il proprio aspetto, attraverso strumenti che fino a poco tempo fa venivano considerati come semplici passatempi.

I social network: luogo di (dis)informazione?
Sempre più social sono diventati famosi dopo l’avvento del colosso Facebook. Ogni giorno, questi portali web sembrano spuntare come funghi, promettendo ai loro utenti funzionalità nuove ed esclusive. Se un tempo venivano considerati come futili strumenti per l’intrattenimento e la comunicazione tra amici, ad oggi i social network sono entrati a far parte anche del mondo economico e commerciale. La condivisione è diventato un punto cardine dei social e attraverso essa è possibile comunicare agli altri i propri pensieri e le proprie sensazioni, ma anche notizie oppure avvenimenti di rilievo. Siccome la carta stampata sta andando incontro una lunga e disperata morte, i titoli d’informazione e comunicazione cercano di rivolgersi al web, sfruttando in particolare il fattore condivisioni. Naturalmente, questo permette a chiunque di scrivere una notizia e condividerla sui social creando in questo modo un tasso enorme di informazione. Ma sono sempre notizie reali? La risposta è semplice ma al tempo stesso sconcertante: purtroppo no. Molto spesso si sente parlare di bufale e notizie praticamente inventate. Cosa più grave, talvolta autorevoli fonti d’informazione, che dovrebbero rappresentare un ipotetico faro nell’oscurità, cadono in casi di disinformazione e “fake news”. Dunque, l’odierno mondo dell’informazione odierno sembra davvero un caos senza fine.

Cosa fare per informarsi nel modo più corretto?

A questo punto la domanda sembra lecita. Per i nostalgici purtroppo non è auspicabile un ritorno di fiamma della carta stampata che comporta costi maggiori per una produzione minore. Dunque, la cosa migliore da fare è stare attenti a ciò che si legge sul web. Aprire i propri orizzonti, concentrandosi su diverse fonti d’informazione, non prendendo per oro colato tutto quello che si legge. Dubitare a volte è la cosa migliore per scoprire la verità ed informarsi nel modo corretto. Così facendo si può venire a capo dell’informazione social odierna, ambientandosi in un mondo che sembra andare sempre di più alla deriva, sotto tutti i punti di vista.